Crea sito

Il libro

Non sarò mai abbastanza e si vedrà sempre che sono diversa.

Non potrò raccontare la mia storia e forse me ne inventerò una nuova, magari triste ma piena d’amore.

Per tutta la vita mi sentirò incompresa. Lo so, non sarò mai completa perché lei ha ucciso la cosa più bella che avevo. Mi ha portato via mia madre.

Poi si è presa mio padre, la mia infanzia, l’ingenuità, i desideri”.

Questo pensavo e oggi riguardo quella bimba e sorrido e con un poco di vergogna, lascio scivolare una lacrima.

Con tutti i miei sensi di inferiorità, i miei limiti e le cicatrici dell’anima e del corpo sono qui. Ci sono riuscita, ho vinto la sua rabbia e la violenza che ha circondato per anni la mia vita.

Ho perdonato, me stessa e chi ha levato la mano.

Ho perdonato chi è rimasto inerme, chi ha girato lo sguardo, chi si è approfittato della situazione, chi è stato codardo.

Mai smetterò di difendere la mia vita, a nessuno permetterò di occupare un solo istante della mia esistenza con la violenza, nessuno entrerà senza invito. Quello che ho è costato sangue, carne, ossa e vergogna e ora io sono ricca, libera, felice e complicata.

Mi sono amata, compresa, accudita.

Non potrei però chiudere il cerchio senza questo libro.
Troppe volte ho pregato che qualcuno capisse i segni, che s’interrogasse.

Sognavo che qualcuno si domandasse come stavo, che venisse a controllare e che mi portasse via.

Affido a queste pagine la mia esperienza, i racconti e le professionalità d’altri affinché s’insinui il dubbio nei ‘grandi’.

Affinché non vi sia più nessun bambino che ha paura dell’amore.
Affinché non vi sia più nessun genitore ucciso dalla cattiveria.
Affinché non vi sia mai più nessun nonno spogliato del futuro.

Io sono cos’è l’odio ed ho scelto di amare.

Sheyla Bobba